Itinerari in biciCiclabili su ferrovie dismesse logo ciclabile
La ciclabile Treviso-Ostiglia
1° tratto Treviso-Loreggia 27 km - 2° tratto Loreggia-Grisignano di Zocco 25 km Flag

Galleria fotografica
Galleria immagini

Il progetto di realizzare una pista ciclabile sul sedime della vecchia ferrovia militare Treviso-Ostiglia, dismessa progressivamente nel dopoguerra, risale a diversi anni fa e solo a partire dal 2011 ha finalmente cominciato a prendere consistenza nelle province di Treviso e Padova. Oggi (agosto 2017) la pista è praticamente completata da Treviso aereoporto a Grisignano di Zocco (loc. Pojana); aperto al transito anche il nuovo spettacolare ponte sul Brenta. Manca ancora la seconda parte quella in provincia di Vicenza, Verona, Mantova. In provincia di Vicenza sono pronti due segmenti prima e dopo la stazione di Grisignano di Zocco, dove a suo tempo la ferrovia Treviso-Ostiglia incrociava la Milano-Venezia.

Il tratto da Treviso alla stazione di Levada di Piombino Dese è stato il primo ad essere completato con la posa del ponte “Cervara” sul Sile nell'agosto 2011; la pista è sterrata ma per lo più su fondo pedalabile e senza bisogno di mountain bike estreme; con il tempo la vegetazione la ha in parte invasa. Appare comunque più pedonale che ciclabile.

Il secondo tratto, in provincia di Padova, inizia da Levada, è stato iniziato nel 2012, poi nel corso del 2013 è stato via via prolungato fino al comune di Campodoro, l'ultimo della provincia di Padova prima di passare in quella di Vicenza. Il tratto padovano a differenza di quello trevigiano è tutto su sede asfaltata, soluzione indubbiamente più gradita per i ciclisti che possono pedalare più agevolmente e più velocemente, forse un po' meno gradita per i pedoni. Purtroppo nel 2017 il fondo in asfalto è deteriorato da avvallamenti e soprattutto radici affioranti degli alberi adiacenti.

Questo tratto dopo aver attraversato il Muson dei sassi e la omonima ciclabile giunge alla stazione FS di Camposampiero sulla ferrovia Padova-Castelfranco, poi continua oltre la ferrovia fino al fiume Brenta, che ora (2017) si passa in bici sopra il già ricordato ponte ciclabile.

Il resto della ferrovia toccava Grisignano di Zocco sulla linea Milano-Venezia, poi Legnago per concludersi ad Ostiglia sul Po. In questo tratto, province di Vicenza, Verona e Mantova, la ciclabile è ancora allo stato di progetto, salvo alcuni segmenti in provincia di Vicenza. Solo nel tratto tra ponte di Mossano e la ex-stazione di Barbarano, dove la Treviso-Ostiglia correva accanto alla ferrovia Vicenza-Montagnana, c'è un tratto della ciclabile per Noventa Vicentina.

Questa ciclabile è tra le altre cose un buon itinerario per visitare, con brevi deviazioni, alcune famose ville venete, in particolare: Barchesse di villa Badoer, villa Marcello a Levada, villa Cornaro a Piombino Dese, Villa Contarini a Piazzola sul Brenta.


Ultima visita:

Fonti bibliografiche e collegamenti esterni

Valido HTML 4.01!