Itinerari in bici - Gran Bretagna - Treno e Bici
Treno e Bici in Gran Bretagna
Treno+Bici in Italia, Austria, Svizzera, Germania, Danimarca. Flag

Galleria fotografica
Galleria immagini

Nel Regno Unito non esiste più una compagnia nazionale di trasporto ferroviario (era la British Railways), ma diverse compagnie private regionali; personalmente ho provato solo la Southern (collegamenti a sud di Londra, in particolare con Gatwick aeroporto e Brighton) e la London Midland (collegamenti tra Londra e il nord ovest fino a Birmingham). Esistono poi compagnie per l'Alta Velocità come Eurostar o Virgin Trains, controllata da Virgin un gruppo che gestisce anche compagnie aeree low cost.

Esiste comunque un'agenzia nazionale la National Rail che coordina il trasporto ferroviario; le regole per il trasporto della bici sembrano essere molto simili: il trasporto è gratuito su tutti i treni regionali, ma soggetto a restrizioni in particolare nelle ore di punta da e per Londra (mattina 7-10 per i treni diretti a Londra, pomeriggio 16-19 per i treni da Londra).

Di solito ma non sempre la carrozza con posti bici è a centro treno indicata dalla solita icona (sui treni Southern la porta di accesso è evidenziata da strisce rosse, una buona idea non condivisa da altre compagnie) e i posti sono solo due. Altre compagnie come la London Midland non hanno alcuna indicazione, si usa la carrozza con icona per disabili.

La frequenza dei treni è veramente ottima, non si deve mai aspettare molto, e la puntualità è quasi sempre assicurata; qualche episodio di disruption of service è comunque possibile.

Di converso i prezzi sono molto elevati rispetto agli standard italiani; un biglietto da Londra a Gatwick aeroporto, circa 40 km, costa 15 sterline, a fronte dei 4 euro che si pagano per andare da Venezia a Padova, distanza quasi uguale. Su linee meno battute possono costare qualcosa di meno, ma comunque sempre almeno il doppio che in Italia.

A differenza che in Italia e altri paesi europei i biglietti vengono controllati all'accesso ai marciapiedi con tornelli; le bici devono passare per il cancelletto più largo dove spesso c'è un controllore che può aiutare in caso di difficoltà; i biglietti vengono controllari anche in uscita dalla stazione di arrivo e occasionalmente a bordo.


Un aspetto molto interessante che però non ho potuto sperimentare è che anche i treni AV Virgin hanno alcuni posti disponibili per le bici. Sui treni Eurostar che collegano Londra con Parigi e Bruxelles via Eurotunnel non è possibile portarsi la bici in treno, ma è possibile spedire le bici come registered baggage service al prezzo di 29 € (25 £); non è detto che viaggino sullo stesso treno ma dovrebbero arrivare a destinazione in tempo utile, anche prima se vengono spedite in anticipo.



Collegamenti esterni